Aerosol PIC Master 500

Aerosol con pompa a pistone. ... vai>>


Sfigmo automatico PIC BS 150

Misuratore di pressione automatico... vai>>


Inib.p.protonica

AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE 
ASSOCIAZIONI PROVINCIALI
LORO  SEDI

FEDERFARMA lazio
Roma, 25 maggio 2007 
Prot. N. : 60/PM
Oggetto:
INDICAZIONI DELLA REGIONE LAZIO SULLA PRESCRIZIONE DEI FARMACI INIBITORI DI POMPA PROTONICA E SULLA CORRETTA COMPILAZIONE DELLE RICETTE

La Regione Lazio con nota n. 54786 del 17/5/07 ha fornito alcune indicazioni ai medici e ai  farmacisti sulle corrette modalità di prescrizione e di dispensazione.

FARMACI INIBITORI DI POMPA PROTONICA

Con la nota in oggetto la Regione Lazio, al fine di uniformare le modalità prescrittive sul territorio regionale, ha invitato a dare applicazione alle indicazioni contenute nell’ultima determina adottata (n. 1371 del 16/4/2007, si veda ns circolare n. 43/07). Ricordiamo che i casi di esenzione  sono individuati dalla lettera B alla lettera F riportata nell’ultima casella (allineata a destra) dell’area “CODICE ESENZIONE”.

Tuttavia, per non arrecare disservizi ai cittadini la Regione Lazio ha confermato che, per tutto il mese di maggio, è consentita la spedizione in farmacia di eventuali ricette redatte con le modalità previste in precedenza, cioè: lettera di esenzione prima del numero della nota o annotazione controfirmata “non-sostituibile”.

In questo modo, vengono formalmente accolte le istanze di Federfarma Lazio che, come si ricorderà, fecero seguito alla notevole confusione ingenerata dall’adozione da parte della Regione Lazio di tre diverse disposizioni in pochi giorni (si veda ns circolare n. 48/07).

Inoltre, per evitare problemi agli assistiti, la Regione Lazio ha invitato i medici a prescrivere gli inibitori della pompa protonica “da soli e non in associazione con altri medicinali”. In particolare nel caso che sulla stessa ricetta sia prescritto un PPI con esenzione ed un altro medicinale soggetto a differenza col prezzo di riferimento (es; Aulin, Lasix 25mg …). Tali ricette infatti, in quanto inserite nella fascia di tariffazione NS, potrebbero dar adito a contestazioni in fase di rimborso.

RICHIAMI PER UNA CORRETTA COMPILAZIONE DELLE RICETTE

Nella nota regionale viene evidenziato che le ricette non sempre sono compilate correttamente rilevando in particolare che “risultano errati o illeggibili i codici fiscali degli assistiti”.

A seguito di tali constatazioni, vengono rivolti precisi richiami ai medici affinchè compilino correttamente le ricette e ai farmacisti affinchè verifichino la corretta compilazione delle ricette che, in caso contrario, dovranno essere redatte correttamente dal medico.

     Questi “richiami” con cui vengono evidenziati i comportamenti a cui medici e farmacisti devono attenersi all’atto della prescrizione e spedizione della ricetta sono particolarmente significativi.  Viene infatti affrontata una delicata questione che ha portato spesso a controversie; affinchè venga data uniforme applicazione a tali indicazioni Federfarma Lazio ha chiesto alla Regione Lazio di diffondere capillarmente presso i medici il contenuto della nota in oggetto.

Tali indicazioni potranno inoltre contribuire a semplificare la raccolta e la trasmissione dei dati secondo le modalità previste dall’art. 50 che nei prossimi mesi entrerà nella fase a regime. Infatti quanto maggiore sarà il numero di ricette compilate correttamente tanto più leggibili saranno i dati da acquisire.

Cordiali saluti.

 


                         IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE
               Giuseppe Palaggi Franco Caprino



Can't open socket